Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione Gruppi di Martiri > Beati Martiri Spagnoli Lasalliani di Cartegna Condividi su Facebook Twitter

Beati Martiri Spagnoli Lasalliani di Cartegna Beatificati nel 2007

18 novembre

>>> Visualizza la Scheda del Gruppo cui appartiene

Lorca, Spagna, 18 novembre 1936


A Lorca, paesino della Mancia, i Fratelli delle Scuole Cristiane,nel 1936, dirigevano la scuola elementare San José. Cinque Fratelliformavano la Comunità: Ovidio Bertrán, Estanislao Victor,Hermenegildo Lorenzo, Lorenzo Santiago e Luciano Pablo. Nel luglio1936 1a persecuzione religiosa scoppiò in tutta la Spagna. L'ordine deiComitati Rivoluzionari era di eliminare i sacerdoti, i religiosi edistruggere qualunque simbolo cristiano.
Il 30 luglio 1936 si presentò alla Scuola San José un gruppo dipersone che dichiararono di essere "Operai dell'Insegnamento"reclamando che lasciassero loro l'immobile in nome del "Fronte Popolare"(formato da partiti e organizzazioni della sinistra). Il Fratello Direttorechiamò l'avvocato della scuola Don José Maria Capoy, che li convinse aritornare dopo qualche giorno. Quando ritornarono, i Fratelli si reseroconto di trovarsi davanti a miliziani del C.N.T. (Confederación Nacionaldel Trabajo) che invasero la casa, perquisirono ovunque, in cerca di armie denaro (che non trovarono) e finirono per prenderli e arrestarli,legandoli insieme. Poi li rinchiusero nei sotterranei dell'edificio dov'era lasede del C.N.T..
Il 1 agosto trasferirono i Fratelli in un carcere dove erano giàrinchiusi altri sacerdoti, religiosi e cattolici noti per la loro fede. Mentre iFratelli erano in prigione, una signora caritatevole, con le sue quattrofiglie, portò loro ogni giorno il cibo che lei stessa cucinava. I Fratellicondussero nel carcere una vita di grande edificazione. Passavano lamaggior parte del tempo pregando, insieme recitavano il Rosario efacevano la Via Crucis, leggevano ad alta voce qualche libro di pietà escrivevano anche lettere, la maggior parte delle quali non giunsero mai adestinazione perché i miliziani le distruggevano.
Il 30 settembre si costituì il tribunale popolare per giudicare iFratelli e il giudice Don Lino Martín Camicero decretò di metterli inlibertà perché le imputazioni a loro carico non costituivano alcun delitto.Ma il 2 ottobre, un decreto del Comitato del Fronte Popolare di Lorcaordinava di ignorare la sentenza, poiché quelli che erano stati imprigionatierano considerati pericolosi. Pertanto i Fratelli restarono in prigione.
I giorni passavano senza poter indovinare il futuro, finché giunseil giorno della morte. Fu il mercoledì 18 novembre 1936. Uno deimiliziani presenti all'uccisione, Juan Meras, in seguito raccontò quantoera successo. Un capo miliziano chiamato Avelino, alle 5 del mattino,ordinò di prendere i due sacerdoti e i cinque Fratelli e di legarli. Li fecerosalire su un camion e dissero loro che li conducevano in un altro luogo,per essere interrogati. Invece li condussero nelle vicinanze del paese, suuna collina dove c'era una miniera di zolfo. Il capo comandò loro disedersi, legati così come erano. Essi iniziarono a pregare. Un plotone dimiliziani si pose alle loro spalle e il capo ordinò di sparare. Poi con lapistola diede ad ognuno il colpo di grazia sparandogli alla testa. Iltestimone aggiunge che alcuni miliziani si misero a ballare e a maltrattarei cadaveri. Tagliarono quindi le corde e prendendoli per i piedi litrascinarono fino ad un pozzo di zolfo dove li gettarono. "E' abbastanzaprofondo perché nessuno si accorga che sono qui, e se dovessero trionfarei cattolici non verranno qui a venerarne i resti", disse uno dei miliziani.Attualmente il pozzo è noto come "Pozo de los Mártires".
Questa Causa raggruppa 6 Servi di Dio: 5 Fratelli delle ScuoleCristiane della scuola di Lorca e il parroco del villaggio, Don JoséCanovas Martínez. Il Processo ordinario si svolse nella diocesi diCartagena dal 27 ottobre 1958 al 18 marzo 1959. Vi comparvero 24testimoni per complessive 44 sessioni. Il materiale raccolto in diocesi fuinviato a Roma, dove ottenne il Decreto di Validità soltanto il 29 maggio1992.
Il cammino di questa Causa si è concluso a Roma il 16 dicembre2006 con la proclamazione del Decreto sul martirio emesso da S.S.Benedetto XVI.
Sono stati beatificati il 28 ottobre 2007.

- Ovidio Beltrán (Esteban Anuncibay Letona), F.S.C.
- Hermenegildo Lorenzo (Modesto Sáez Manzanares), F.S.C.
- Luciano Pablo (Germán García García), F.S.C.
- Estanislao Víctor (Augusto Cordero Fernández), F.S.C.
- Lorenzo Santiago (Emilio Martínez de la Pera y Álava), F.S.C.
- José María Cánovas Martínez, Sac. Dioc.


Fonte:
Postulazione Generale Fratelli delle Scuole Cristiane

_____________________
Aggiunto il 2012-07-06

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


L'Album delle Immagini
è temporaneamente
disattivato




CD immagini

Sostienici e avrai TUTTE le immagini di Santiebeati
Clicca qui per richiederlo

Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati